Pierfranco Pellizzetti scrive per Micromega  E se la vera crisi europea fosse quella tedesca? Un interessante e inedito articolo che inizia così. Capire i processi mentali per cui i sottomessi accettano di essere tali nei confronti dei prevaricatori, attiene in misura eminente alla psicologia sociale; non diversamente dalla descrizione delle arene competitive e dalla “lettura” dello score nelle partite politiche giocate. In cui vincitori e vinti vengono designati sulla base di percezioni influenzate dai modelli vigenti di rappresentazione.

 Come ebbe a dire una volta il generale stelle-e-strisce David H. Petraeus, grande esperto di conflitti mediatizzati, «quello che i decisori politici pensano sia accaduto in ogni caso specifico è ciò che conta, più di quanto sia effettivamente accaduto». 

Una regola che risulta particolarmente attinente per decostruire i recenti accadimenti che hanno messo in subbuglio l’intera costruzione europea; conclusi con la conclamata vittoria dell’ordine liberista e controriformista incarnato dalla magna Germania, sulle pretese velleitariamente sovversive avanzate dalla piccola Grecia. More solito , Golia che nella realtà prende a pedate il presuntuoso ragazzetto Davide. (…Per proseguire la lettura aprire l’al’allegato

 

Allegato:
e_se_la_vera_crisi_europea_fosse_quella_tedesca_pellizzetti.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *