La locandina allegata è esplicita: una mobilitazione ed un sostegno perchè alla Fiom sia garantito il diritto di partecipare alle elezioni delle RSA negli stabilimenti Fiat e quello della riscossione delle quote sindacali liberamente sottoscritte dai suoi aderenti. Sono diritti da sostenere al di là che si condivida o meno l'attuale strategia della Fiom-Cgil. E' un problema che riguarda la democrazia e le relazioni industriali nel nostro paese. Non è una "faccenda" della sola Fiom come parecchi sono abituati a dire, in quanto si sarebbe maldestramente avventurata in un scontro senza valutare tutte le implicanze, tra queste l'ambiguità dello Statuto dei Lavoratori dopo la manomissione referendaria del 1995 dell''art.19, quello utilizzato dalla Fiat ( ed accettato dalle altre organizzazioni sindacali firmatarie ddi quell'accordo tanto discusso) per escludere la Fiom dalla competizione elettorale .

 

L'assemblea pubblica "Amici Fiom" si svolgerà il 24 maggio a Torino, dalle 15 alle 18 nella sede della Cgil in Via Pedrotti 5.

Gianni Marchetto ha inviato la locandina utilizzando la propria mailist che contiene molti nominativi  oltre il perimetro della Cgil, parecchi della Cisl. Gianni Gianni Vizio – per anni responsabile della Fim e della Flm alla Lega Mirafiori, ora segretario dei pensionati Cisl To – ha fatto un reply a Gianni Marchetto, la sua mail è pervenuta a tutti gli indirizzi, questo il testo:

Caro Gianni, a prescindere dalle scelte Fiom e relative conseguenze, nella locandina dell'assemblea perchè mettere una foto FLM? Certo che certi difetti sono duri a morire……e poi ci si stupisce di ciò che accade!!  Ti abbraccio, ciao  gianni vizio

Il reply di Vizio a Marchetto ha raggiunto tutti i destinatari della prima e-mail e così ci sono stati altri reply . Luciano Pregnolato, autore della locandina, ha inviato a sua volta una mail a Gianni Vizio ( sempre con reply) ed a www.sindacalmente.org ( vedi allegato). Pregnolato e Vizio sono stati responsabili sindacali dell'allora mitica V  Lega FLM di Mirafiori negli anni 70, quando nel più grande stabilimento auto europeo operava il Consiglione FLM MIrafiori.

Non poteva quindi mancare una replica di Gianni Vizio che inizia con un garbato "Francamente non pensavo che…" puntualizzando il suo punto di vista ".. è ben vero che quel patrimonio è di tutti e non ci sono Copyright per  l' utilizzo delle immagini, è altrettanto vero che oggi NESSUNO può dire che rappresenta  la continuità di quell'esperienza.." ( vedi testo completo in allegato).

Vizio nella sua replica cita altri interlocutori, pertanto è utile pubblicare le mail ricevute per conoscenza inviate da Angelo Caforio, Tina Fronte, Sandra Mecozzi . Proseguiremo in progress se necessario sempre negli allegati di questo articolo.

Nota  – La foto scatta negli anni '70 davanti alla Palazzina di Mirafiori rimanda al Consiglio dei  delegati FLM, quando le elezioni delle rappresentanze di base (delegati) consentivano la partecipazione di elettorato attivo e passivo ai lavoratori ed ai militanti sindacali senza le gravi limitazioni contenute nell'accordo Fiat dell'era Marchionne. E' un'immagine fortemente evocativa che suscita con i ricordi spunti per il dibattito che dovrebbe ben essere più ampio ed aperto  in ogni sindacato.

 

allegato

  • locandina con appello e firmatari
  • Luciano Pregnolato a Gianni Vizio
  • Angelo Caforio a Gianni Vizio
  • e-mail Tina Fronte e Sandra Mecozzi
  • caro gianni_Marilde Provera
  • replica di Gianni Vizio
  • riflessioni di Silvio Biosa_15-5-12
  • considerazioni di Gianni Naggi 15-5-12
  • Il 1962, cosa vorrei da Amico Fiom_V Buscaglione_15-5-12

Allegato:
amico_fiom_24_maggio.pdf
pregnolato_a_vizio.doc
francamente_non_pensavo_che_vizio.doc
caforio_a_vizio.doc
mail_fronte-mecozzi.doc
caro_gianni_marilde_provera.doc
riflessione_di_silvio_biosa_15-5-12.doc
considerazioni_di_gianni_naggi_15-5-12.doc
il_62_e_cosa_vorrei_da_amico_fiom_v_buscaglione_15-5-12.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *