Alleghiamo il testo ufficiale del disegno di legge sul mercato dl lavoro e relativa relazione introduttiva presentate dal governo al Senato. Rispetto a quanto precedentemente diffuso sono aggiunti tre articoli ( 70, 71, 72)  che danno concretezza al Cap VIII che era in bianco. I tre articoli definiscono norme per la copertura finaziaria: le misure fiscali e la riduzione di spese per finanziamento Enti. La definizione di questo ultimo testo ( da 79 a 84 pagine) ha fatto esplodere la protesta della Presidente Emma Marcegaglia ora sostenuta da un battagliero Renato Brunetta che guida i senatori del Pdl. Non solo, la modalità di finanziamento ha sollevato un diffuso scontento per l'ulteriore aumento di tasse o di costi di gestione per le imprese. Il Ddl presentato al Senato è però oggetto di contestazioni, tra queste quella di Susanna Camusso che segnala l'esistenza di sensibii modifiche apportate rispetto al testo approvato dal Consiglio dei Ministri e reso pubblico.

Per ora nessuno dei parlamentari e neppure chi è stato ascoltato in audizione ( tra questi le Confederazioni) ha pensato di proporre la copertura finanziaria del riforma del mercato del lavoro, o per estendere gli ammortizzatori a lavori flessibili e precari, utilizzando quei 2 miliardi di finanziamento pubblico che i partiti ricevono grazie ad un sotterfugio legislativo e soprattutto alla mancata certificazioni delle spese. Al finanziamento dei partiti si potrebbe ben sopperire in altro modo, per iniziativa dei cittadini, con una libera ed apposita dichiarazione ( con la presentazione della dichiarazione dei redditi) simile al meccanismo in vigore per le associazioni e Onlus. Scaricate i nuovi testi e cestinate i precedenti.

Allegati

  • Il testo e la relazione illustrativa del Ddl presentati al Senato
  • Susana Camusso: testo approvato dal CdM e ddl sono diversi_12-4-12

 

Allegato:
ddlriformamercatodellavoro_testo_senato.pdf
relazioneillustrativa_def_6aprile2009.pdf
camusso_testo_e_ddl_sono_diversi_12-4-12.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *