Questo file è in progress saranno inseriti atri link o allegati, anche quelli da voi proposti.

Lezioni da 50 anni di politica estera. Dopo mezzo secolo di studi sulla questione, ecco la lezione numero uno: le guerre sono cattive e l’impero è follia. Conn Hallinan 22 settembre 2021 su www.portside.org  così inizia. Da oltre 50 anni scrivo di politica estera, principalmente americana, ma anche di altre nazioni. Penso di avere una buona conoscenza di posti come Turchia, Cina, India, Russia e Unione Europea. Mi rammarico di non avere un passo sicuro in Africa e in America Latina. Durante questo periodo ho anche imparato molto su questioni militari e vari sistemi di armi, perché costano enormi quantità di denaro che potrebbero essere utilizzate molto meglio che uccidere e mutilare le persone. (…) per proseguire un clic https://portside.org/2021-09-22/lessons-50-years-covering-foreign-policy

Cina: non confondere le repressioni di Xi Jinping per una seconda Rivoluzione CulturaleKerry Brown – 20 settembre 2021 – così inizia su  www.theconversation.com – Crediamo nella libera circolazione delle informazioni – Mao Zedong, quando era vicino alla morte a metà degli anni ’70, disse a coloro che lo circondavano che considerava i suoi due più grandi successi come la creazione di un paese unificato nel 1949 e il lancio della Rivoluzione Culturale nel 1966. Questo enorme movimento continuò fino alla morte di Mao nel 1976. Il suo desiderio, disse, era che si ripetesse ogni pochi anni. Altri non hanno condiviso la sua valutazione positiva di questo evento. Negli ultimi quattro decenni, la Rivoluzione Culturale si è configurata come uno spauracchio da incubo, in agguato nell’incoscienza collettiva cinese. Nell’era di Jiang Zemin alla fine degli anni ’90, le persone in Cina erano preoccupate per quelli che vedevano come segni crescenti di egoismo e culto della personalità e per l’instabilità che ciò potrebbe portare. Per proseguire un clic https://theconversation.com/china-dont-mistake-xi-jinpings-crackdowns-for-a-second-cultural-revolution-167483

 LAVORO “Stiamo tutti combattendo contro il gigante”: i lavoratori del concerto di tutto il mondo si stanno finalmente organizzando. Di fronte alla fragilità e all’incertezza, i gig worker si stanno connettendo attraverso i confini per sfidare il potere e le politiche delle piattaforme. Pietro Ospite  24 settembre 2021 su www.portside.org così inizia. Lo scorso luglio, Singh stava correndo a mezzanotte, pedalando su una torta di mousse al cioccolato per 7 chilometri attraverso Mumbai, quando è stato speronato da dietro da un guidatore ubriaco su uno scooter. Se l’è cavata con qualche graffio e slogatura, ma la sua moto era gravemente sfasciata. Il costo per ripararlo – 14.000 rupie ($ 189) – è circa quello che porta a casa in un mese lavorando per  Zomato , l’app indiana di consegna di cibo e generi alimentari. Quindi, nell’ultimo mese, ha sistemato le cose un po’ alla volta ogni volta che riesce a mettere insieme i soldi. Singh, sulla quarantina, parla con frasi lunghe e fluide condite con riferimenti letterari e umorismo fatalistico. Ha iniziato a correre per Zomato nel 2020 dopo aver faticato a trovare lavoro nel mercato del lavoro indiano in contrazione. “Ho cercato su Google ‘lavori che posso trovare oggi'”, ha detto a  Resto del mondo . “E la consegna del cibo è spuntata. … È stato il lavoro più facile che abbia mai ottenuto in vita mia”. (…) per proseguire un clic https://portside.org/2021-09-24/were-all-fighting-giant-gig-workers-around-world-are-finally-organizing

Oms nella bufera: stupri in Congo durante Ebola – Oltre 80 donne e ragazze abusate, 21 membri dello staff coinvolti: è il risultato dell’inchiesta indipendente dell’Organizzazione mondiale della Sanità sulle violenze sessuali commesse in Congo durante l’epidemia di Ebola, tra il 2018 e il 2020. Si tratterebbe di personale locale e internazionale. Le vittime non avrebbero inoltre ricevuto supporto dall’agenzia dell’Onu, colpevole di «fallimento strutturale» e «negligenze individuali», dovute al rifiuto di alcuni dirigenti a intervenire di fronte alle denunce, già note nel 2019. Gli stupri hanno condotto a 29 gravidanze: alcune donne sono state costrette ad abortire dai loro stupratori. Il Manifesto 29-9-21

Nigeria, fuoco della polizia sugli sciiti: 8 morti – Sarebbe di otto uccisi e 57 arrestati il bilancio della repressione da parte della polizia nigeriana della processione organizzata ieri ad Abuja dai sostenitori sciiti dell’Islamic Movement, messo al bando nel 2019. Secondo il portavoce del gruppo, Ibrahim Musa, gli agenti avrebbero aperto il fuoco contro la processione dell’Arbaeen, i 40 giorni dopo la festa sciita dell’Ashura. Diversa la versione della polizia che, confermando gli arresti, parla del blocco della strada Abuja-Kubwa da parte dei «miscredenti» e del lancio di pietre e molotov. Il Manifesto 29-9-21

Haiti, elezioni rinviate a data da destinarsi – Il primo ministro di Haiti, Ariel Henry, ha annunciato il rinvio a data da destinarsi delle elezioni e del referendum costituzionale previsti per novembre per «incapacità» del Consiglio elettorale provvisorio. Il Manifesto 29-9-21

Tunisia, Sahara occidentale – da Il Manifesto  – Brevi dal Mondo 30-9-21

  • Una prima ministra per la Tunisia in crisi – A due mesi dal colpo di mano del presidente Saied, la Tunisia ha una nuova premier, la prima donna a ricoprire la carica di primo ministro. Saied ha nominato Najla Bouden Romdhane, ingegnera e docente universitaria, oltre che coordinatrice dei programmi della Banca mondiale al ministero dell’Educazione. Alla fine di luglio, Saied ha sospeso il parlamento e licenziato il governo, assumendo pieni poteri. La scorsa settimana con una serie i decreti ha indebolito il ruolo del premier e del parlamento. Ora Romdhane avrà il compito di formare il governo in tempi brevi per far uscire la Tunisia dallo stallo politico.
  • Intesa Ue-Marocco, per la Corte è illegale – Ieri la Corte europea di Giustizia ha annullato l’accordo commerciale e agricolo e quello sulla pesca del 2019 tra Ue e Marocco, a seguito della denuncia del Fronte Polisario, il movimento di indipendenza saharawi: le due intese sfruttano terre e risorse del Sahara occidentale occupato illegalmente dal 1976 da Rabat, inserendo prodotti illegalmente sottratti al popolo saharawi nel mercato libero europeo. La Corte ha stabilito che gli accordi violano il diritto internazionale, ribadendo che il Sahara occidentale non può essere considerato territorio marocchino. «Una vittoria legale importante», ha commentato il Polisario. Resta in piedi ancora l’accordo bilaterale tra Gran Bretagna e Marocco.

Afghanistan tre articoli 

Migranti da Messico a Stati Uniti

Migranti in trappola nella “prigione messicana” – di Daniele Nalbone e Valerio Nicolosi  su Micromega. Le immagini della polizia texana a cavallo che frusta i migranti che provano a passare il confine hanno acceso i riflettori sulla crisi migratoria tra Messico e USA. Ma, lontano dalle fotocamere, alla frontiera sud con il Guatemala, la situazione è addirittura peggiore. Intanto a Tijuana, tra le baraccopoli, spunta, scintillante, un nuovo stabilimento di Amazon. Perché le merci possono e devono arrivare là dove le persone non possono. https://micromegaedizioni.net/2021/10/01/migranti-messico-usa/

Ricordiamo che per ottenere la traduzione automatica si consiglia di utilizzare Google

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *