Autostarde: l'Europa boccia le concessioni "eterene". Meno male che l’ Eu c’è.. E’ sacrosanto dirlo nonostante tutti i difetti e le storture politico-istituzionali. La direttiva europea 23/2014 manda in soffitta quanto previsto dal decreto “sblocca Italia” sui rinnovi delle concessioni autostradali. In Italia la durata delle concessioni, specie se importanti, e pluridecennale…eterna! Cercò di dare uno scossone uno dei personaggi politici più controversi l’ex-magistarto Di Pietro, quando fu ministro. Poi la nebbia. In Italia il problema dell’infrastrutture è ancora polarizzato, anchilosato si potrebbe chiosare, su No Tav e Sì Tav. Intanto dalla cruna della pigrizia politica, per quanto riguarda l’analisi, passano incredibilmente  tanti cammelli, ovvero le concessioni made Italy.

La direttiva europea, in particolare, indica che la durata di una concessione non dovrebbe superare i cinque anni e  le concessionarie dovrebbero assumersi un rischio operativo. Infine l’aumento dei pedaggi dovrebbe essere ancorato a verificabili programmi di manutenzione ordinaria, straordinaria e investimenti.

 Allegato

Autostrade: Eu boccia le concessioni "eterne"  di Giorgio Ragazzi   lavoce.info 8-5-15

Allegato:
eu_boccia_le_concessioni_eterne_regazzi_la_voce.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *