Franco Astengo, politologo savonese, continua con i suoi scritti e note a sollecitare la ripresa d’incontri a sinistra, a tutto campo. Nel week pasquale  rivolge la nota allegata a molti soggetti dal Circolo Rosselli di Milano al Network per il Socialismo Europeo; dalla Lega dei Socialisti  al Nuovo Partito d’Azione, da Democrazia e Legalità ai  militanti , politici e intellettuali, facenti riferimento a PD, SeL, FdS oppure non legati ad alcuna soggettività politica presente.

“Il tempo stringe” ricorda più volte Astengo sottoponendo alla nostra attenzione i seguenti  grandi temi: Europa politica; opposizione e alternativa al liberismo; nuova forma politica in grado di fronteggiare l’evidente e clamorosa crisi del sistema dei partiti in Italia. Pensa alla necessità di un grande dibattito unitario, prefiggendosi l’obiettivo di costruire un soggetto politico con un forte livello di partecipazione e di interscambio culturale tra soggetti diversi posti nella condizione di riconoscersi e di lavorare assieme.

La nota si articola in cinque punti, dei quali riportiamo alcune sue affermazioni:

1 – Sul piano europeo, appare diventare sempre più forte e pesante quello che abbiamo definito “deficit democratico”. Un “deficit democratico” che consente, alle istituzioni monetario-finanziarie dell’Unione, di scaricare completamente i costi della crisi da esse provocata e accompagnata, sui lavoratori.

2 -L’idea del monetarismo liberista anti-democratico si è, in questa fase, saldamente installato al potere in Italia, succedendo a un governo di destra populista e irresponsabile. L’attuale governo sta attuando una feroce politica anti-popolare, di chiara ispirazione classista, al riguardo della quale non esiste opposizione adeguata per via della crisi generale del sistema politico.

3 – Nel frattempo si è evidenziata, con grandissimo rilievo, una nuova fase dell’eterna “questione morale”. Questa volta, però, gli effetti di questa vicenda potranno essere ben più dirompenti di quella, analoga, verificatasi al tempo di “Tangentopoli”….

4 – Personalmente mi ha fatto impressione l’assoluta inadeguatezza delle argomentazioni contenute nell’intervista rilasciata dal segretario del PD Bersani, apparsa l’8 Aprile sul “Corriere della Sera” ( vedi allegato) , laddove  vi si recitava la logora solfa del “altrimenti arriva il pifferaio con i miliardi”: il problema è che da Lusi a Belsito i pifferai con i miliardi hanno ritenuto opportuno alimentare le casse proprie e dei propri sodali . Sotto quest’aspetto l’attuale sistema dei partiti farà fatica, se ci riuscirà mai, a recuperare un minimo di credibilità. Renato Mannheimer è arrivato a calcolare, per la prima volta, un potenziale del 50% di astensioni.

5 – Ciò nonostante i partiti sono indispensabili al funzionamento della democrazia. Ed è proprio in base a quest’assunto che mi sono permesso di rivolgere quest’appello ad accelerare i tempi nella ricerca, a sinistra, di una nuova capacità di proposta politica. Sono apparsi, in questi giorni, nuovi tentativi: da quello che riassumo sbrigativamente del “benecomunismo" (incautamente adottato, a mio giudizio, dalla redazione del “Manifesto” ma sulle stesse colonne analizzato criticamente nella dimensione dovuta da un intervento della compagna Rossanda) – vedi allegato –

Allegati

  • La nota per accelerare il confronto a sinistra di F.Astengo_ 9-4-12_Savona
  • Beni comunisti che passione_Rossanda _Manifesto
  • Nuove regole per finanziamento partiti_Bersani_8-4-12

Allegato:
accelerare_i_tempi_per_un_nuovo_incontro_a_sinistra_astengo.doc
nuove_regole_per_finanziamento_partiti_bersani.doc
beni_comunisti_che_passione_rossanda.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *