Dopo l'audizione in Senato, Cgil-Cisl-Uil ribadiscono alla Camera, nell’audizione alla Commissione Lavoro e Affari sociali, le forti perplessità sul “decretone” per il reddito di cittadinanza su: offerta "congrua" di 858 euro mensili, vincoli per gli stranieri, aumento delle ore da garantire, navigator. E dopo la grande manifestazione di Milano sui “paletti” posti per gli stranieri sottolineano:Se già abbiamo ritenuto inaccettabile il vincolo di residenza a dieci anni, per il suo profilo discriminatorio nei confronti dei cittadini stranieri, ancor meno possiamo condividere l’emendamento approvato in Senato relativo alla documentazione.

Quella norma, affermano, è un provvedimento che, in deroga alle disposizioni vigenti, condiziona l’accoglimento della richiesta di beneficio, per i cittadini provenienti da Paesi extra Ue, alla presentazione di apposita certificazione prodotta dallo Stato estero, tradotta e legalizzata, comprovante i requisiti reddituali e patrimoniali, oltre che la composizione del nucleo familiare. (…)

Vedi allegati

Allegato:
reddito_di_cittadinanza_con_piu_elementi_di_criticita_cgil_cisl_uil.doc
troppi_paletti_per_assumere_audizione_imprese_il_sole.doc
intesa_tra_governo_e_caf_il_sole.doc
speciale_reddito_cittadinanza_stampa.pdf

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *