Un libro da non perdere: “L’imperatore e l’elettricista” di Cecilia Brighi.Racconta la storia di Dongfang, elettricista che era in piazza a Tienanmen a parlare di diritti degli operai, superando anche le diffidenze di un movimento dominato dagli studenti; di un coraggioso che ha subito il carcere e la persecuzione, ed è andato avanti nella sua lotta di libertà; di un sindacalista oggi in esilio, che continua a battersi per i diritti di chi lavora, in ogni parte del mondo. Una storia vera, appassionante più di un romanzo. Si legge d’un fiato e contiene tante notizie su Tienanmen e sui giorni del coraggio. Sulla rivolta degli studenti e su quegli operai, a cominciare da Donfang, che proprio in quei giorni fondarono il sindacato autonomo dei lavoratori cinesi, poi spazzato via dalla repressione. Il promotore ne ha passate di tutti i colori e  adesso vive a Hong Kong da dove comunica via radio con i lavoratori che gli telefonano dalla Cina quando sono in  lotta o hanno bisogno di sindacato.

E’ un libro che parla della libertà e del coraggio che bisogna avere per conquistarla, certamente in sintonia con il vento di rivolta e la mobilitazione popolare che spazza oggi i regimi autoritari o dittatoriali del Medio Oriente.

La presentazione del libro è stata fatta a Roma, giovedì 24 febbraio, presso la libreria dell’Auditorium.

Alleghiamo copertina del libro

 

 
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *