I tre giorni dello storico viaggio di Papa Francesco in Iran hanno fatto risaltare che è il coraggio la qualità umana che più coinvolge e  trascina, che trasforma i comportamenti in qualcosa più solido e duraturo delle opinioni. Il coraggio lascia segni profondi.

Incontro interreligoso nella pianura di Ur

Francesco ha voluto con insistenza, contro i consigli di tutti, questo storico viaggio che ha portato per la prima volta un Papa cristiano nella terra di Abramo, nella pianura di Ur. Qui ha pronunciato nell’incontro interreligioso un coraggioso messaggio per la fratellanza universale imperniata sulla giustizia e sui diritti degli ultimi, condannando l’uso della religione per uccidere e emarginare, richiamano il dovere di porre termine alle ambigue giustificazioni.

Con coraggio si è recato in luoghi simbolo di gigantesche repressioni delle minoranze cristiane dimezzate numericamente rispetto i tempi di Saddam. Tanto coraggio per un viaggio con molte insidie.

Francesco ha toccato i cuori e le menti con il coraggio delle idee, espresse nel lungo messaggio nella pianura di Ur, pronunciato sotto il grande gazebo con tante folate di vento, che solo la Tv 2000 vaticana e Rainews hanno trasmesso in diretta. QUI il video-audio: https://youtu.be/DsgHmqjbQng e QUI il testo http://www.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2021/march/documents/papa-francesco_20210306_iraq-incontro-interreligioso.html

Le parole e il comportamento, i gesti di Francesco hanno messo in risalto non solo il coraggio delle idee ma con esse anche quello fisico di un uomo che ha sfidato l’età avanzata (84 anni) e le tante reali potenzialità di atti di terrorismo (l’Iran da molto tempo convive con forme di terrorismo endemico) e le insidie alla sua salute da covid 19 che imperversa in quel paese, come in molte parti nel mondo.

Il coraggio delle idee e del comportamento di Francesco si rivolge all’intera umanità e per questo sia i credenti, sia gli agnostici, sia i non credenti ne sono coinvolti o avvertono di essere interpellati.

Una luce – un guardare le stelle come ha ricordato Francesco, richiamando la figura di Abramo – che è ben sottolineata da Luca Rolandi nell’articolo con questo link https://www.laportadivetro.org/una-luce-nel-buio-il-viaggio-in-iraq-del-papa-chiamato-francesco/

In allegato, per più informazione:

  • il testo integrale, con link per video, di Francesco all’incontro interreligioso a Ur
  • articoli correlati

1 commento
  1. Fabrizio Carta
    Fabrizio Carta dice:

    Un Papa coraggioso e commovente. Rappresenta un esempio di vita per tutti noi. Grande Papa Francesco che sfida il pericolo e supera i problemi di salute da cui è afflitto, con evidenza, per portare parole di conforto a chi ha tanto sofferto, predicando la politica dell’accoglienza, della fraternità e della pace. Saremo in grado di seguire i suoi insegnamenti ?

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *