Documenti unitari per il voto europeo e regionale. In Piemonte e Lombardia. Gli esecutivi regionali di Cgil Cisl Uil  Piemonte si sono riuniti per presentare alla stampa e ai candidati alla Presidenza della Regione Piemonte il documento unitario “Riflessioni e proposte di Cgil Cisl Uil per il lavoro e lo sviluppo del Piemonte”. (v.allegati).  A Torino spiacevole scivolone della Fim-Cisl che, operando alla luce del sole, fa un balzo all'indietro nella storia sindacale appoggiando un unico candidato in una sola lista.

L'annuncio della candidatura era già stato fatto il 22 marzo scorso addirittura su carta intestata della categoria e a firma del Segretario della Fim-Cisl Torino e Canavese Claudio Chiarle (v. link articolo di Toni Ferigo e commenti). Proprio nulla da rilevare da parte della Cisl Regionale, la Ust Cisl Torinese e Canavese, la Fim-Cisl Regionale? La scelta e la modalità adottate dal Segretario  Claudio Chiarle, si possono ritrovare in episodi del passato della storia Cisl torinese quando sull'incompatibilità si sostenevano tesi diverse sull'applicabilità.

Una simile scelta di campo – che è cosa diversa dalla circolazione di "santini" elettorali anche in ambienti sindacali –  da parte della Fim Torinese smentisce e vanifica l'allora giustificata reprimenda alla Fiom "modello Giorgio Airaudo" per le sue alleanze elettorali e il suo andare e venire tra sindacato-partito-politica-sindacato.

La difficile via di un candidato operaio per portare il mondo del lavoro nelle istituzioni è già stata sperimentata con scarsi risultati nella storia sindacale. E' pure evidente il rischio d'instaurare una sorta di "cinghia di trasmissione" (a doppio senso) tra la Fim Torinese e il rinnovando Pd.

Non è certo la strada per dare ruolo al sindacato come "corpo intermedio" per rivitalizzare la democrazia rappresentativa, per dare forza alla confederalità torinese vivacizzando le iniziative e il dibattito intecategoriale, affrontando temi da anni sul tappeto. Alcuni esempi: i ripetuti annunci per  TNE sempre svaniti, il problema dei flussi merci in Piemonte e nell'area Torinese che gravitano o potrebbero gravitare sullo scalo di Orbassano a prescindere dal No Tav e Si Tav, il completamento del passante ferroviario con innnesto al bivio di Caselle, i due km mancanti della Metropolitana fino alla stazione di P.zza Bengasi, le decine di migliaia di cassintegrati senza formazione e senza proposte per lavori socialmente utili, il futuro di Mirafiori con i continui <si vedrà> della FCA per i modelli da insediare e ora la grande incognita dell'auto elettrica, i fondi impresa finalizzati alle nuove professionalità…. L'elenco è certamente più lungo, sono temi che obbligano all'intercategorialità, al confronto continuo tra le diverse categorie, solamente così si può sfuggire al fatale rinchiudersi in un tipo di aziendalismo riduttivo e spesso perdente.

CLAUDIO CHIARLE: A NOI BASTA LA FIM!.. – T.Ferigo – …e un candidato Fim nelle liste PD –  https://www.sindacalmente.org/content/claudio-chiarle-noi-basta-la-fim-tferigo-e-un-candidato-fim-nelle-liste-pd     Il primo annuncio della candidatura è del 22 marzo, su carta intestata e firma come segretario generale Torino e Canavese, l’ultimo invito per un confronto il 23 maggio nel Salone Operti di C.so Siracusa, su carta semplice firmato Claudio Chiarle. Carta semplice e indirizzario sindacale fim-cisl.

*************************************************************************

Per il voto europeo Cgil, Cisl e Uil Lombardia e i rappresentanti sindacali dell’Auvergne/Rodano-Alpi (Francia), del Baden Württemberg (Germania) e della Catalogna (Spagna) hanno firmato una dichiarazione congiunta di intenti per un’unione del lavoro e dei diritti. (vedi allegato)

*************************************************************************************************

Anche a Bruxelles, con la CES si è dato vita ad un significativo atto unitario  (v.link)

  • https://www.sindacalmente.org/content/la-ces-manifesta-bruxelles-uneuropa-pi%C3%B9-equa-lunit%C3%A0-tra-i-lavoratori.

**************************************************************************************************

Infine per avere un quadro di massima di quanto propongono i quattro candidati (Giovanni Bertola, Valter Boero, Sergio Chiamparino, Alberto Ciro)  a governatore del Piemonte alleghiamo la scheda pubblicata su La Repubblica.

 

 

Allegato:
sintesi_del_documento_cgil-cisl-uil_piemonte.doc
testo_integrale_cgil-cisl-uil_piemonte.pdf
verso_il_voto_europeo_appello_sindacati_4_motori.doc
dichiarazione-4-motori-it.pdf
comparetto_invito_chiarle.pdf
i_quattro_candidati_governatore_del_piemonte_rep.pdf

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *