La preziosa collaborazione di Carmine (nome convenzionale) ci consente di avviare un lavoro d’informazione sulla Sanità Regionale che da tempo avevamo in programma ma mancavamo delle necessarie risorse professionali. Il Pianeta Sanità qualifica per una buona parte il  welfare di un paese e da un senso alla stessa spesa pubblica. Il sistema sanitario Italiano è stato per lungo tempo segnalato in cima alle graduatorie mondiali ed ancora oggi regge il passo. Si sono però aperte alcune falle preoccupanti sia per i servizi offerti ( politica per i distretti a metà) sia per non poche spese incontrollate, ed una certa quantità (ben più delle cosiddette mele marce) di appalti (e suoi dintorni ) richiedono un risveglio degli enti elettivi chiamati al loro controllo. Le Procure da tempo indagano sollevando quei veli che ricoprono il malaffare. I bilanci delle Regioni per oltre il 50% sono costituiti da spese per fare funzionare il Sistema Sanità, e “pesano” nel bilancio dello Stato.

Per iniziare la fotografia del pianeta sanità  pubblichiamo oggi la prima scheda elaborata da Carmine, ne seguiranno altre tre già definite. Poi vedremo come proseguire raccogliendo le osservazioni critiche e le proposte che perverranno.

Con le schede allegheremo sempre articoli su temi della sanità tratti dalla cronaca, auspicando che ciò solleciti alla lettura di queste non semplici schede tecniche che riassumo dati e leggi.

  • La scheda odierna sintetizza gli aspetti istituzionali ed organizzativi del Sistema Regionale Sanitario, delle Aziende Sanitarie Locali, delle Aziende Ospedaliere e della Aziende Ospedaliere Universitari.

  • L’allegato “ I tagli ci sono eccome” ben chiarisce l’inganno di questi giorni ( spese di competenza del settore sanitario che passano all’assistenza) della Regione Piemonte per le spese dei non autosufficienti .

 

 

 

Allegato:
il_pianeta_sanita_prima_scheda.doc
domiciliarita_tagli_21-1-14.doc
cure_domiciliari_e_tagli.pdf

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *