Uno dei sindacati antirazzisti più radicali nel paese mostra solidarietà a tutti coloro che sono minacciati dalla violenza  della polizia

Daniel Boguslaw così inizia l’articolo su La Nation Il 19 giugno, membri dell’International Longshore and Warehouse Union (ILWU) chiuderanno in solidarietà 29 porti lungo la costa occidentale con continue proteste per l’omicidio di George Floyd. Il giorno dell’azione è  previsto per Juneteenth , il giorno che celebra l’annuncio del proclama di emancipazione agli schiavi texani più di due anni  dopo che  il proclama entrò in vigore nel 1863. Dalla sua fondazione nel 1937 , l’ILWU ha resistito come uno dei sindacati antirazzisti più radicali nel paese. Fu uno dei primi sindacati americani a disgregare le bande di lavoro negli anni ’30 e durante gli anni ’40 si agitò pubblicamente contro l’internamento dei giapponesi americani . Durante il movimento per i diritti civili degli anni ’60, l’ILWU guidò l’organizzazione e spinse persino Martin Luther King a diventare membro onorario del sindacato dopo aver parlato con i membri del Local 10 di San Francisco nel 1967.

Negli ultimi anni il sindacato ha protestato contro le guerre in Iraq e in Afghanistan con simili arresti del lavoro e ha rifiutato di scaricare container da una nave di proprietà israeliana per protestare contro l’uccisione di palestinesi da parte dell’IDF. Nel mantenere il suo impegno per la giustizia razziale, l’ILWU ha anche chiuso i porti nel 2010 per l’uccisione della polizia di Oscar Grant. (…) per proseguire aprire l’allegato. Vedi anche articoli correlati