La candidatura di Roma per le Olimpiadi 2014 non riguarda solo i romani e la giunta Raggi. Al tempo delle Olimpiadi invernali 2006 per Torino non pochi furono coloro che sostenevano che dovessero essere organizzate utilizzando parte degli impianti francesi (pista di bob, trampolino di salto) costruiti per le Olimpiadi di Albertville 1992. Non se ne fece nulla: ora il Comune di Torino sconta il pagamento di un mutuo trentennale, la pista di bob di Cesana costata 110 milioni di euro, oggi è abbandonato (vedi allegato).

Ettore Livini ha ben descritto in “ I giochi un sogno con troppi rischi” (v.allegato) come le enormi spese in infrastrutture nelle ultime edizioni delle Olimpiadi, con il pesante passivo che invariabilmente le accompagna, abbiano mutato le regole del gioco, spingendo molte città a ritirare la propria candidatura per le edizioni future.

Salvatore Settis in “Cinque città per salvare i cinque cerchi” (v.allegato), concorda con le riflessioni di Livini, sintetizza le nuove idee che circolano per risolvere il problema dei pesanti deficit in capo alla città che ospita le Olimpiadi. Così conclude. (…) Idee impossibili al tempo di Pierre de Coubertin, ma facilmente praticabili oggi. Se il Comune di Roma, come ha dichiarato Virginia Raggi, intende ritirare la propria candidatura, e dall'altro lato Palazzo Chigi cerca uno spazio per dire la sua, ecco una strada possibile: l'Italia lanci, in armonia con l'"Agenda 2020", la proposta di Olimpiadi "distribuite" tra più Paesi, a cominciare dalla Grecia, in cui anziché costruire dispendiose infrastrutture destinate al degrado si utilizzi al meglio l'esistente.

Sarebbero le prime della storia in un formato nuovo, più adatto al nostro tempo, più rispondente alla sostenibilità invocata da Thomas Bach. Dopotutto, i Giochi non dovrebbero essere un'infinita saga di appalti e di cemento né un'esibizione di muscoli di politici e architetti, ma una manifestazione sportiva. O no?

Allegati

I giochi un sogno con troppi rischi_ Livini_La Repubblica_9-9-16

Cinque città per salvare i cinque cerchi”_Settis_La Repubblica _9-9-16

La pista di bob di Cesana ora è chiusa_Pagliassotti_La Repubblica _24-2-16

Allegato:
i_giochi_un_sogno_con_troppi_rischi_livini.doc
cinque_citta_per_salvare_i_cinque_cerchi_settis.doc
torino_2006_ora_la_pista_di_cesana_e_chiusa_pagliassotti.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *